trovato!

ho parlato con molte persone qualunque e con molti giornalisti e scrittori e competenti e intellettuali e direttori e gente seria e tanti altri. Non ho trovato nessuno che avesse colto, che avesse già in sé, lo spirito che permette di pensare prima e a realizzare poi Da qui a la (scrivo senza accenti perche su questa tastiera afghana non ci sono). Ma sapevo che il caos mi avrebbe trasportato via da quella regione aliena. Lo sapevo e ne ero in quieta attesa. Sapevo che pochi segni, anche uno solo, possono bastare per dire che hai passato una frontiera. Per dire e soprattutto sentire che finalmente hai incontrato qualcosa e qualcuno di quelli che traguardano il mondo spesso dal tuo stesso spioncino. 
Pubblico perciò con grande soddisfazione questo amorevole articolo di Paolo Merlini che, corre precisarlo, non mi conosce di persona.
 
Tashakor Paolo.
 
viaggio_verso_afghanistan


 

ascent  |  prana  |  x&x  |  city  |  force
contact | www | search | credits| p.iva 03302540962