"il medium é il messaggio"
uno spazio dedicato al linguaggio, argomento primario ma ancora occulto. Primario perché contiene, impedisce e comuque sempre realizza mediazione. Occulto perché in buona misura è ammantato della razional convinzione che capire sia tutto.
 
11.Angela della morte 260515

questo articolo di Simone Boscali è semplicemente perfetto.

È dedicato a criticare cosa e come il pensiero dominante in parte tralascia per incompetenza, in parte per interesse e in parte non vede.

 

Ne pagano il dazio tutti.

Tuttavia alcuni riescono a emanciparsi fino a riconoscere

come Truman Burbank,  The Truman Show, che il cielo nel quale avevamo sempre creduto è un artefatto;

come Neo, Matrixche è il momento di assumersi la responsabilità di come stanno le cose;

come V, V per Vendetta, che possiamo far di meglio, purché la paura di perdere la Bmw non sia superiore a quella di azionare per una vita autentica.

 

Non solo.

Che il motivo di quel progetto e prodotto è strumentale. 

Non solo.

Che di quella strumentalizzazione pagano, appunto, in molti e ne godono in pochi. 

Oltre il cielo di cartone, si vede la regia del progetto: contenere le anime affinché siano  controllabili, dominabili, facciano meno casino, siano contente delle basse rate per la Bmw.

 

Ma...

mi provoca una considerazione dedicata al linguaggio e alla comunicazione.

 

Il pezzo di Simone ha un difetto

Parla a chi sa già.

È lo stesso difetto che abbiamo quasi sempre e quasi tutti.

Chi sa già, oltre a dire dovrebbe impegnarsi a escogitare modalità e linguaggi idonei a chi non ha ancora visto. Diversamente siamo al decalogo, buono per li crea, lettera morta per chi non è in grado di crearlo. L’esperienza non è trasmissibile.

In sostanza dedicarsi all´abc - tenendo contro che ognuno ha ed è il proprio universo - in un certo senso è più importante che scrivere un gran bell´articolo.

Dedicarsi all’abc, alza il rischio di far uscire il proprio messaggio dall’ambito nel quale è stato creato.

Scrivere un bell’articolo, tende a produrre successo e soddisfazione tra gli adepti dell’ambito dal quale è scaturito.

Perché?

A mio parere chi ha consapevolezza non può ritenersi esente dall´assumersi la responsabilità di aggiornare il proprio linguaggio e i propri modi, affinché gli estranei all´ambito al quale ci riferiamo possano riconoscerlo invece di arroccarsi, fuggire, far finta di  niente, non sentire, utilizzare caldi e rassicuranti luoghi comuni. 

In ogni caso, grazie Simone


 


ascent  |  prana  |  x&x  |  city  |  force
contact | www | search | credits| p.iva 03302540962